DA GIOVANNI TAPPA OBBLIGATORIA

Qualche mese fa, quando ancora il Covid era uno di quei virus protagonisti di qualche film futurista, accompagnavo, in una classica giornata lavorativa, uno dei tanti collaboratori commerciali che ci aiutano nella divulgazione del nostro vino in giro per l’Italia. Mi trovavo a Padova con il neo ma espertissimo agente di questa bellissima città. Dopo il rituale incontro presso una caffetteria per aiutare a dare inizio alla giornata, iniziamo il consueto giro a visitare clienti o futuri tali.


Arrivati all’ora di pranzo siamo in un piccolo paese della provincia di Padova, Campodarsego. Qui ci fermiamo a mangiare un boccone, al ristorante da Giovanni, dove Massimiliano, uno dei fratelli che porta avanti la tradizione famigliare ormai trentennale, ci aspetta per farci mangiare e per conoscere questa cantina di cui aveva sentito parlare pochi giorni prima. L’accoglienza è di quelle che ti comunicano cosa vuol dire essere ristoratori, professionalità e grande calore. Massimiliano ci fa accomodare in uno dei tavoli della grande sala principale dove ordine e pulizia regnano sovrani. La percezione che hai entrando in questo Ristorante è proprio la precisione e l’attenzione ai dettagli, conferma che diventa realtà quando ti portano il menu e ti presentano i vari piatti che lo compongono. Il



singolo piatto viene raccontato con amore e passione, la voglia sarebbe quella di ordinare tutto ma la forma fisica e l’età me lo impediscono. Il vino? da buoni venditori e divulgatori del messaggio Monte cicogna siamo dotati di frigorifero e quindi esce dal cilindro una bottiglia di Lugana Santa Caterina 2018 che ci farà compagnia durante il pranzo e che anche Massimiliano assaggerà. I piatti che ordiniamo sono a base di pesce. Ho mangiato veramente bene, piatti molto equilibrati, raffinati, di un livello sicuramente alto, noto anche una ricerca verso la creatività. Passione è la prima impressione che ho riscontrato, dal pane, al servizio attento e molto professionale ai piatti cucinati con materie prime eccellenti. È stata veramente una bella scoperta, una di quelle scoperte che mi piacciono parecchio, mi piace conoscere ristoranti che hanno una storia da raccontare e qui la storia c’è.



Una famiglia che ha dato tanto alla ristorazione. Prima di finire vorrei soffermarmi sulla carta dei vini. Anche qui regna la semplicità e la scelta fatta con criterio e senza esagerazioni. Bravo Massimiliano e sorelle, mi sono trovato molto bene. Per chi passa da Padova una sosta consigliata e obbligata.

5 visualizzazioni